jump to navigation

Sagoma di Percivald ottobre 7, 2007

Posted by drunkenturtle in AMICI del carlino.
9 comments

13. maddy54 – Ottobre 7, 2007

boh, devo essermi persa qualcosa, non riesco a capire come entrare nell’argomento, non comprendo qual’é il filo conduttore. avevo desiderio di chiaccherare un pò con qualcuno del sito, ma non capisco di cosa parlate. Sarà per un’altra occasione. l’unica cosa chiara é un certo sig. Rossi che poi diventa possibile signora Rossi . . . e che é morto (se ho capito,) un ubriacone senza palle . . . !? Ma che discorsi trattate ? Boh ?! Buona Notte a tutti.

Maddy54, hai perfettamente ragione l’unica spiegazione è che tu abbia problemi alle vie urinarie. Il post tratta di cavalli da corsa da pascolo essendo sono un testamento in carta stupida, zoccolo simpatico come un re che cena a salsomaggiore a quattro e merda.
Contatta il tuo urologo di fiducia, il tenenente colomba e il passero licavaliente, perchè il mio non c’è ora e nemmeno ora. Torio. Vioeni giù subito che ti voglio ammazzare adesso.
Vioeni.

Urghhhhhhhhhhhhhhhhhhhharrrr.

Drunkenturtle

Annunci

Drunkenturtle vs Leopardi marzo 24, 2007

Posted by drunkenturtle in AMICI del carlino.
16 comments

Io e Leo stavamo scrivendo questo saggio, no, sul tassino e la sua Liberata.
In pratica Leo si è fissato con la storia del poco amabile, dell’amabile su per giù e dell’amabile appalla, che poi quando gli ho detto appalla voleva riscrivere tutto.
Insomma, su rinaldo non sa decidersi. E’ più amabile di goffredo, è una merda rispetto ad achille.

(Drunkenturtle chino sulla scrivania, carta e penna)

Drunken:
 allora Rinaldo è amabile o no?
Leopardi: Beh..
Drunken:
Leopardi: .. ecco, sai.. l’uomo trova sempre alcuna diversità che l’inclini ad elegger l’una e l’altra rifiut..
Drunken: OH, non ricominciare, bisogna decidere. Scelgo io: non amabil..
Leopardi: Si.. no.. tuttavia, il confronto con Goffredo..
Drunken: A-A-A! Bada! O niente carbonara.
Leopardi: Intesi.. ma ho la netta sensazione che il saggio sulla Gerusalemme non piacerà..
Drunken: Ti venga un brutto male agli occhi.

(a pranzo)

Leopardi: Scusa..
Drunken: Il sale? Ecco.
Leopardi: No.. in realt..
Drunken: AH, pipì!? Di là, seconda a destra.
Leopardi: …ehhh.
Drunken: … amabile, cazzo.
Leopardi: Si.. si… è giusto.
Drunken: Stappo il montenegro.

Drunkenturtle

Il Meraviglioso Mondo di Scopa marzo 11, 2007

Posted by drunkenturtle in AMICI del carlino.
16 comments

Ero all’Irish con Carlino e la barboncina gonfiabile che ha appena comprato su Amazon.
Ormai lui era molesto, io non avevo più soldi ma una birretta ci stava, così ho deciso di farmeli prestare.

“Oh, Carly, non è che mi presti 4 eur..”

Scena balorda, comincia ad abbaiare ed annusare la barboncina in zone che non riporterò, allontanando il muso con faccia schifata di chi ha sniffato un arbre magique.
Si gira, fare sospetto:

“Va bene.. (ride sommessamente) però, devi farmi una sceneggiatura sulle scope, perchè io qeusta barboncina me la.. WOF WOF!”

Cosa non si fa per una pinta.

Scopa è una scopa di città, determinata e desiderosa di successo.
Vive la sua adolescenza in un contesto sociale molto difficile: madre e padre sono ignoti, l’aiuto viene solo dall’amica Ramazza che, come è logico pensare, non riesce a compensare appieno la mancanza dei due.
Il vuoto empirico che ciò ha creato e la precarietà non permettono a Scopa di vivere spensieratamente la sua giovinezza, così è costretto ad accantonare i sogni di gloria per un certo periodo.
Si adatta quindi a un lavoro di ufficio sottopagato.
Qui incontra Clark, il capoufficio, e mocio, che che lo aiuterà a raggiungere le alte sfere.

Clark: Allora, che ti porta qui?
Scopa: Si parte dal basso per sfondare, con tutto il rispetto. Un giorno, sarò una grande scopa!
Clark: Lo sai, è un mondo difficile. Vita intensa, felicità a tratti, destino inc..
Scopa: La pianti di citarmi Shakespeare.
Clark:
(da dietro la porta appare Mocio)
Mocio: Ho sentito tutto.. ok amico, però devi capire che scopare non è più come una volta. Ora Swiffer..
Scopa: Lascia perdere Swiffer. Io riporterò alla  ribalta le scope. Hanno solo bisogno di un leader.
Mocio: Sono con te, ragazzo.. aspettate, mi strizzo e arrivo.
Clark: Fai schifo… Ah, è arrivato finalmente!
Scopa: Chi?
Clark: Non chi, cosa. E’ il catalogo della Folletto, c’è un nuova aspirapolvere che mia moglie..
Scopa: Ah, fighe quelle! Mi fa dare un’occhiata?
Clark: Certo.
(Clark avvicina il giornale al manico, dopo qualche tentativo di affondo lo lascia andare, facendolo cadere per terra)
Scopa:

 

Hanno detto del film:

Mel Brooks
Piuttosto di rivederlo mi farei strappare i peli del culo.. ah, il microfono non è acceso?

Malcolm McDowell
Non dico nulla finchè non vedo i miei soldi.

Kate Moss
Il film è stupendo, soprattutto quando arrivano i cloni e il piccoletto verde rotea come una trottola.

Bob Dole
Scopa è una scopa con i sogni e le speranze di ogni scopa della sua età. Farsi strada  come scopa nel mondo del lavoro delle scope, per una scopa come Scopa è duro, ma grazie a Mocio scopare è più facile. Non ho apprezzato l’attività masturbatoria di quest’ultimo e.. Cosa? “Strizzando“? E che sarebbe?

Nei migliori blog, da …zzvchzvzzzzzz..

DrunkenTurtle

La tartaruga dalla testa di bronzo marzo 8, 2007

Posted by drunkenturtle in AMICI del carlino.
11 comments

C’è sempre una sottile linea, ovunque.

Quando sei ancora piccolo, i casi sono due: o sei testuggine unico e i tuoi genitori ti imbottiscono di tutto ciò che vuoi, probabilmente rendendoti un ciccione viziato senza speranza destinato all’asocialità, o hai fratelli e sorelle testuggine: anche in questo caso, la facilità nel diventare sociopatico è fottutamente spietata.
Si prendono le tue cose, ci giocano e magari le rompono, ti incazzi e la mamma turtle ti mette da parte perchè hai detto sgualdrina, anche non conoscendone il significato, o vaffanbrodo.

In ogni caso, socializzare all’esterno è assai arduo, che tu sia un cicciobastardo o un semplice testuggine unico mancato.
Così, si finisce dalla parte storta della barricata, quella popolata da reietti involuti probabimente in futuro incapaci di parlare in pubblico o di vincere qualche cosa, dotati di difetti fisici che li rendono ridicoli al resto della società, come zampe atrofizzate, gusci sbeccati, sguardo spento o semplicemente un accento sbagliato.
Qui nascono le merde, quelli che Piperita Patty definirebbe “stinfi”, quelli che in futuro vivranno sotto le zampe di qualcuno, sempre ubriachi o strafatti di qualcosa nei casi peggiori, o semplicemente condizionati da un passato poco felice.

Io il guscio l’ho aggiustato, un discorso in pubblico già fatto e ho anche vinto, spesso, ma la precedente è, o è stata, la mia parte di barricata, non tanto per le caratteristiche peggiori, quanto per gli animi che in essa vivono: ci sono gli irrimediabili figli di puttana, ci sono i timidoni infiniti dei miei coglioni. Quello che ci vuole, insomma.

Ogni tanto, durante l’adolescenza, qualcuno ne esce: una tartaruga dalla corazza di bronzo.
Flap. Diventa immediatamente facente parte dell’altra barricata, delle persone speciali, intelligenti: quello che fanno è oro, divertimento come mai si è provato, nuove esperienze, gioie e dolori.
Poi, il tempo passa, la testa è stata placcata in oro, la stessa si è abituata alla situazione e tutto è diventato un po’ più piatto, meno scintillante di quel che ricordasse, ma ora la sua testa è diversa: non ricorda che significhi essere dall’altra parte, o meglio, lo ricorda ma non fa nulla per ricaderci. Così fan tutti, per paura.

(drunkenturtle in automobile, C a piedi, 32enne poco cresciuto e molto antipatico)
C: allora che fate stasera?
Drunken: non so dovresti chiedere agli altri
C: al limite passo da te, dove stai di casa?
Drunken: Me ne sono dimenticato. Sto girovagando per ritrovarla.
Skreeeeeeeeeee

DrunkenTurtle

Barbie superstar, Barbie rock ‘n roooll marzo 1, 2007

Posted by drunkenturtle in AMICI del carlino.
6 comments


Barbie:
“Wake up, wake up on a saturday night!”.. fi, mi hanno anche migliorato la voce. Ken?

Drunken: Non c’è. So che in commissione se la sono giocata su due cantanti. Uno è Tiziano Ferro.

Barbie: …

Drunken: No, l’altro non so.

(si apre la porta del reparto plastica facciale

Ken: “Questa vita è una catena, alle volte fa un po’ male!”

Drunken: Preparo un godfather

Barbie: Due

Aspetto l’associazione del Fronte Liberazione da Hilary “Barbie” Duff.

DrunkenTurtle

“Carlinus Gremlinarum” novembre 28, 2006

Posted by alexx in AMICI del carlino, animali, cani, demenzialità, devidasselof, Le mele marce dell'esoschelitrozzo, Occhi a palla sgranati.
8 comments

Come tutti ben sapete, i Carlini non sono una razza pura, ma sono frutto di diversi incroci. (quelli moderni, di diverse rotonde). La cosa che non tutti sanno è che i carlini in principio ereditavano i geni dei leggendari Gremlins.

Ebbene si, il risultato delle ultime ricerce dell’AIA (Archaeological Institute of America) dimostra che il “Carlinus Gremlinarum” è l’anello mancante tra i teneri Carlini ed i misteriosi Gremlins.

Gli scettici parlano di malformazioni in seguito all’esposizione degli embrioni non ancora formati a radiazioni, in quanto i primi esemplari di carlini erano molto sensibili ed ancora in fase di sperimentazione.

La prova inconfutabile è la testimonianza fotografica fornita da David Hasselhoff che dichiara “il mio bisnonno ne aveva uno e…” continua “…so che mio padre non seguì le regole da rispettare, dandogli da mangiare dopo la mezzanotte, fu così che io diventai l’anticristo.”. In questa commossa intervista David Hasselhoff rivela molti dettagli sulla vicenda ed altrettanti dubbi “..mio padre non lo fece apposta. La regola diceva di non farlo mangiare dopo la mezzanotte ma non specificava fino a che ora non poteva mangiare”.

Un errore che costò caro a David, vedendolo costretto a girare agghiaccianti video trash per distogliere l’attenzione dal suo lato esoterico.